breaking news

L’assedio al castello di Gradara

aprile 3rd, 2012 | by Red
L’assedio al castello di Gradara
Week – end in viaggio
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Ogni due anni a Gradara, in provincia di Pesaro e Urbino, nelle Marche, avviene la rievocazione storica, del 1446, dell’assedio al Castello che costituiva la residenza del Signore di Rimini Sigismondo Pandolfo Malatesta, un uomo d’armi ritenuto invincibile, famoso sia per le virtù che per i vizi che lo caratterizzavano, tra cui gli accessi d’ira.

I suoi domini conoscevano grande estensione, fino ai territori posseduti da Federico da Montefeltro, Duca di Urbino e suo storico rivale.
All’interno dei Malatesta regnava un clima di discordia, al punto che Galeazzo, conosciuto come “l’Inetto”, senza consultarsi con gli altri decise di vendere la fortezza a Francesco Sforza, nipote di Ludovico il Moro, per ventimila fiorini d’oro.
Quando gli Sforza vollero entrare in possesso della fortezza da loro acquistata, Sigismondo si oppose e non solo non fece loro prendere possesso della rocca, ma non restituì la cifra che avevano pagato.
In seguito Donna Battista Sforza divento moglie di Federico da Montefeltro, il quale decise che era giunto il momento di indebolire i Malatesta vendicando l’onore della sua famiglia e sconfiggendo Sigismondo.
Nel 1446 iniziò a Gradara una battaglia durata 43 giorni in cui il castello venne attaccato continuamente con armi da fuoco fino a che venne ucciso Lazzarino, uno dei più devoti vassalli di Sigismondo. Alla sua morte seguì una forte pioggia che inumidì la polvere da sparo degli assedianti fino a rendere inutili ed inutilizzabili le loro armi.

A distanza di 600 anni, ogni due anni viene rappresentata la battaglia tra le truppe di Federico da Montefeltro e Francesco Sforza e Sigismondo Malatesta, in uno spettacolo aperto con l’incantevole esplosione di fuochi artificiali accompagnati dalla musica, al quale seguiranno giornate medievali arricchite con animazioni, spettacoli, artigiani e figuranti.

I turisti ed i residenti potranno assistere al racconto della vera storia dell’assedio, che inizierà con una narrazione che avrà luogo nell’accampamento dell’esercito e proseguirà nella battaglia. I turisti che lo desiderano potranno essere arruolati come combattenti e prendere parte attivamente alla rappresentazione.

Si potranno visitare le ricostruzioni degli accampamenti, le botteghe artigiane ed, ovviamente, il castello di Gradara.
Lo spettacolo avrà luogo a metà del mese di luglio: per partecipare potere prenotare un hotel a Misano con offerte, oppure scegliere uno degli hotel consigliati a Misano.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *