breaking news

Voli lowcost, viaggiare comodamente a basso costo si può!

luglio 4th, 2012 | by Red
Voli lowcost, viaggiare comodamente a basso costo si può!
Voli low cost
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Il termine lowcost (basso costo) è stato coniato verso la metà degli anni ’90 proprio in ambito turistico. Per la maggior parte dei viaggiatori questo termine ha a che fare con i voli anche se poi l’uso si è “allargato” anche ad altri ambiti, non prettamente legati al turismo o ai viaggi.

Una volta prerogativa dei viaggiatori più attenti, oggi i voli lowcost sono utilizzati dalla maggior parte delle persone per diversi aspetti, primo fra tutti un notevole risparmio economico. Il che non implica necessariamente dover rinunciare ai servizi di qualità.

Accade semplicemente questo: i voli hanno costi più bassi perché la vendita è generalmente diretta e avviene attraverso internet; poi perché le compagnie scelgono aeroporti più piccoli e dunque più economici; inoltre, le operazioni di carico e scarico negli scali sono molto più veloci; i voli sono sempre pieni e frequentissimi così da poter ammortizzare i costi (lavorano dunque sulla quantità); a bordo non vengono serviti pasti, bevande o giornali come accade nei voli full cost dove c’è personale preposto solo per questo tipo di incarico (dunque si risparmia anche sul personale a bordo). Gli aerei sono ultramoderni e dunque di più facile gestione, (e ogni compagnia ha aerei tutti uguali).

Anche il sistema di biglietteria è gestito in maniera più semplice e snella: non c’è un biglietto tradizionale ma un codice di prenotazione che si può effettuare online – compreso di check in – e con quello ci si può recare in aeroporto e imbarcarsi direttamente.

L’ottimizzazione dei costi in questo caso è sinonimo di ottimizzazione delle capacità e dei servizi. Perché il bello sta proprio qui: nel fatto cioè che basso costo non vuol dire bassa qualità. Anzi, rispetto a certe compagnie di bandiera la qualità è nettamente superiore.

E se negli anni ’90 solo alcuni pochi “furbi” avevano capito che si poteva viaggiare a costi ridotti senza rinunciare a quasi nulla (se non al pasto a bordo, perché comunque bevande, giornali e ogni genere di articolo – persino le sigarette finte per i fumatori più incalliti che hanno necessità di assumere nicotina – vengono comunque proposti a prezzi convenienti) oggi la maggior parte dei viaggiatori sceglie innanzitutto l’aereo per spostarsi e poi le compagnie low cost per raggiungere ogni angolo del pianeta.

Cresce la domanda e cresce dunque l’offerta. Le nuove compagnie nascono come funghi: Volotea ad esempio, è una delle ultime arrivate in ordine di tempo e, come sempre accade, per farsi conoscere si è lanciata sul mercato con offerte incredibili.

Tra le più accreditate invece, sul mercato già da qualche tempo, c’è ad esempio la Vueling una delle flotte più importanti che ha registrato in questi ultimi anni una notevole espansione soprattutto in ambito europeo.

A viaggiare low cost si può risparmiare sul trasporto e magari concedersi qualche “sfizio” in più una volta arrivati a destinazione, il che non è poco. Ma per essere sicuri di risparmiare sul serio occorre tener presenti alcuni piccoli suggerimenti: per ottimizzare ancora di più i costi, conviene ad esempio, prenotare con un certo anticipo; scegliere di viaggiare nei giorni feriali invece che nei week end. Persino alcuni orari della giornata possono essere più convenienti di altri.

Vale per tutti il consiglio di attenersi alle regole fissate dalle varie flotte come i limiti sul peso dei bagagli.

Le cose da sapere sono tante ma sul sito di ogni flotta è sempre tutto specificato i maniera chiara e trasparente. Quindi non vi resta che “spulciare” e trovare quello che fa per voi!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *