breaking news

Muoversi con i mezzi pubblici a Roma

marzo 20th, 2011 | by Red
Muoversi con i mezzi pubblici a Roma
Vacanze in movimento
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Per spostarsi nella Capitale, il consiglio è quello di abbandonare la macchina e di utilizzare esclusivamente la rete dei mezzi pubblici.

Se utilizzerete il trasporto pubblico a Roma, soprattutto per muovervi all’interno del centro storico, innanzitutto, non avrete il problema di riuscire a trovare un parcheggio per la vostra vettura (impresa quasi impossibile), ma soprattutto eviterete di restare bloccati nel traffico, sottraendo così tempo prezioso della vostra vacanza.

Il sito di riferimento per sapere come spostarvi e quali mezzi utilizzare è quello dell’azienda locale dei trasporti pubblici, www.atac.it, che offre anche un servizio di calcolo percorso, per utilizzare il quale dovrete inserire l’indirizzo di partenza e quello di arrivo.

Per quanto riguarda il titolo di viaggio, la scelta è abbastanza ampia e, se saprete programmare il vostro soggiorno, per lo meno a grandi linee, potreste anche cavarvela con una cifra irrisoria.

In linea di massima, la soluzione più immediata è rappresentata dal biglietto urbano semplice, quello cd. integrato a tempo, che costa un euro e vale 75 minuti dalla prima convalida: con questo titolo di viaggio, potrete viaggiare illimitatamente (entro il periodo di validità) sui mezzi di superficie, effettuare un viaggio, anche su più tratte, con la metro, nonché salire sui bus della Cotral e sui treni regionali, anche di Trenitalia.

Una buona ed economica alternativa per i turisti è il biglietto integrato giornaliero, che costa 4 euro e vale fino alla mezzanotte del giorno di obliterazione: questo titolo di viaggio consente di viaggiare, per tutto il periodo di validità, su tutta la linea urbana di trasporto pubblico del Comune di Roma, senza alcun limite.

Questo biglietto, ovviamente, è consigliato se prevedete di fare più di quattro viaggi al giorno (quindi, non conviene se per esempio alloggiate in un albergo in centro e non contate di spostarvi fuori dal centro storico, che si percorre piacevolmente a piedi).

Per i turisti che scelgono Roma per un week end “mordi e fuggi” c’è il biglietto turistico integrato, che al costo di 11 euro, consente di viaggiare per tre giorni (o meglio, fino alla mezzanotte del terzo giorno dalla timbratura) su tutta la linea urbana: diciamo che questo biglietto, una volta comprato, diventa il vostro pass per la città; l’unica attenzione da prestare è quella di non perderlo.

Se, invece, il vostro soggiorno durerà più di tre giorni, c’è la carta settimanale integrata, con la quale potrete viaggiare illimitatamente su tutta la linea urbana fino alla mezzanotte del settimo giorno dall’obliterazione.

Qualunque sia la vostra scelta, ricordate di non salire mai sui mezzi pubblici sprovvisti di biglietto valido per il viaggio, perché rischiate di rovinarvi la vacanza per una banale distrazione: infatti, se il personale ATAC vi troverà privi di biglietto, potrete incorrere in una sanzione amministrativa di almeno 100 euro, che potrà essere ridotta a 50 euro, più il prezzo del biglietto se pagherete subito, al momento della contestazione dell’infrazione.

La stessa sanzione viene applicata se avete un titolo di viaggio, ma non avete provveduto precedentemente a convalidarlo.
Altra raccomandazione riguarda gli orari: durante il giorno, metro, autobus e tram sono piuttosto frequenti, soprattutto nel centro storico (magari accumulano ritardo a carico del traffico intenso, ma passano), mentre di sera dopo le 21 iniziano a diventare più sporadici per poi cessare il servizio intorno a mezzanotte.

Dopo la mezzanotte, iniziano i servizi notturni, che sono mezzi di superficie che -con frequenza molto sporadica- seguono il percorso delle metropolitane.
Se volete evitare disagi, in tarda serata è preferibile prendere un taxi per ritornare al vostro albergo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *