breaking news

Giordania a ritmo di Ramadan

luglio 13th, 2010 | by Red
Giordania a ritmo di Ramadan
Turismo per tutti
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Ottobre, secondo il calendario locale mi ritrovo in pieno ramadan. Amman è calda e polverosa, anche brutta se non si considerano il teatro romano e il tempio di Apollo; da queste parti duemila anni fa si portava a compimento un importante fase della storia. Oggi fra il caldo, la polvere, il caos tipico delle città arabe, non lo diresti proprio.

Arrivo in serata, almeno dopo il tramonto mi abituo meglio a certe temperature. L’albergo è proprio di fronte al teatro romano , fra internet point e kebabbari, almeno so sempre dove mangiare: purtroppo sono le 21 e in tempo di ramadan, la gente affolla i ristoranti alle 18, lasciando ben poco agli altri sfortunati turisti.

Due giorni di visita, anche troppi e partenza per Madaba, uno dei mosaici più importanti del mondo che raffigura la Gerusalemme dellesacre scritture. Cittadina piccola, calma da cui si può raggiungere agevolmente il Monte Nebo, da cui Mosè ammirò la terra promessa, Betania oltre il Giordano, luogo del battesimo di Gesù, e il Mar Morto, dove si possono provare i famosi fanghi.

Trovo un taxi che per 10 euri mi porta a Petra, il “Tesoro” dei Nabatei, conosciuto ai più per le scene di Indiana Jones, uno scenario unico al termine di un chilometro di siq, e a seguire la vallata che comprende templi romani fino alla scalata per il monastero, in cima alla montagna da cui si vede anche il deserto del Negev.

Pochi chilometri di distanza e si incontra Piccola Petra, come dice la parola un Petra in miniatura, molto meno popolata dai turisti. Una cosa che pochi sanno è che di solito si percorre il siq per raggiungere il “Tesoro” a Petra, ma è possibile percorrerne un altro , deserto, e più avventuroso,  che segue il letto del fiume che si riempie d’inverno a seguito delle alluvioni, e che porta alla vallata dove c’è il Tempio romano in circa un’ora. Ovviamente da evitare se ci sono piogge.

Passati quattro giorni in questo posto fantastico mi incammino per Aqaba, dove prenderò il traghetto per Nuweiba, sponda opposta del Mar Rosso, Egitto!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *