breaking news

A Santo Domingo si festeggia in contemporanea Carnevale e Festa dell’Indipendenza

gennaio 29th, 2009 | by Red
A Santo Domingo si festeggia in contemporanea Carnevale e Festa dell’Indipendenza
Al mare
2
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

A Santo Domingo nel mese di febbraio si festeggiano due eventi contemporaneamente, il Carnevale e la Festa dell’Indipendenza Nazionale. Infatti il 27 Febbraio, nel giorno della Festa dell’Indipendenza Nazionale, si svolge una favolosa sfilata di carri carnevaleschi in tutte le grandi città. Vi partecipano bambini e adulti e dappertutto c’è gioia, musica, fantastici colori, allegria, danze e tante maschere.

La particolarità di questo Carnevale sta proprio nelle maschere che, costruite e dipinte a mano, a Carnevale terminato sono acquistabili come souvenir nei vari negozi delle città. La maschera tipica ha lunghe corna ed è burlesca e spaventosa. Istituisce la festa più bella e importante che caratterizza la cultura popolare dominicana che si sovrappone con l’anniversario dell’indipendenza nazionale, perciò diventa la festa della libertà, dell’integrazione e dell’identità del popolo. Il Carnevale dominicano è molto antico e mescola maschere, colori, musica e tradizioni e permette di conoscere lo spirito più autentico di un intero popolo nel suo modo di far festa.

Chi ha bisogno di una vacanza può conciliare abbronzandosi su di una bella spiaggia, dalla sabbia bianca e il mare azzurro, e divertertirsi la sera a festeggiare il Carnevale con i sempre sorridenti cittadini di Santo Domingo.
Raggiungibile dall’Italia con tanti voli low cost, si può usufruire dei pacchetti vacanze last minute a prezzi eccezionali. Le strutture alberghiere sono molteplici, a basso costo e all inclusive. Il mese di febbraio in Repubblica Dominicana è dunque il mese più adatto per conoscere lo spirito di questo Paese e del suo popolo. Il Carnevale viene festeggiato ogni domenica del mese nelle principali città: da La Vega a Santo Domingo, da Bonao a San Cristóbal passando per Barahona e Samanà, e sia i turisti che i dominicani si lasciano coinvolgere da quest’atmosfera di divertimento e felicità in cui tutti si possono permettere di lasciarsi andare al loro spirito più vero.
Oltre a festeggiare si dovranno anche assaggiare i piatti tipici di questo luogo, come la Bandiera che consiste in riso, fagioli neri o rossi, carne e insalata; e del Sancocho che è del pesce al cocco.

A Santo Domingo, nel 1992, in occasione del V centenario della scoperta dell’America, è stato inaugurato il “Faro a Colòn” (Faro in onore di Colombo), che si può visitare. E’ stato fatto qui perché il 5 dicembre del 1492 Cristoforo Colombo raggiunse le coste di una delle isole delle Antille; questa, in nome del proprio aspetto che ricordava alcune regioni della Spagna, venne denominata “Spagnola”. E proprio su quest’isola Colombo ed i suoi uomini fondarono la prima città del Nuovo Mondo, i cui abitanti erano i Taini , un popolo pacifico ed amichevole.

Foto| Flickr

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

2 Comments

  1. ortis says:

    questi festeggiamenti sono sfarzosissimi. Una volta ne hanno parlato addirittura su rai 1.

  2. linda says:

    A me piacerebbe festeggiare il carnevale e prendere il sole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *