breaking news

La Thuile è un’altra rinomata capitale valdostana degli sport invernali

gennaio 19th, 2009 | by Red
La Thuile è un’altra rinomata capitale valdostana degli sport invernali
In montagna
2
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Come Courmayeur e Valtournenche, anche La Thuile è da annoverare tra le stazioni sciistiche più importanti in Valle d’Aosta. Per chi vuole abbinare vacanze e sport qui è il posto giusto. Deviando a sinistra dalla statale che porta a Courmayeur si raggiunge l’abitato a quota 1.441 m, oggi assediato dai nuovi complessi turistici, che sorge lungo la strada del Colle del Piccolo San Bernardo, uno dei più antichi itinerari percorsi per attraversare le Alpi. Grazie a un’intelligente opera di potenziamento progressivo degli impianti, concentrati soprattutto sui pendii dello Chaz Dura fino alla Cima Belvedere (2.611 m), La Thuile vanta oggi 135 chilometri di piste adatte a ogni esigenza che comprendono anche il collegamento internazionale con La Rosière in Francia.

Ci sono delle piste magnifiche che non si possono assolutamente perdere, infatti sul versante di La Thuile, giunti all’arrivo della funivia a Les Suches, si può affrontare la nera n. 2 Diretta che riporta, con stretti muri ripidissimi e spesso gelati tra quinte di superba vegetazione, alla partenza della funivia. Oppure si può scegliere l’altra nera n. 5 Muret che ridiscende a La Thuile. Da Les Suches, grazie a una fitta rete di seggiovie e sciovie collegate tra loro, si possono raggiungere i 2.581 metri dello Chaz Dura e da qui ridiscendere scegliendo tra un nutrito carosello di piste rosse e azzurre.

Chi sale invece fino alla Cima Belvedere può, superato il confine di Stato, sciare sul versante francese fino a La Rosiè­re affrontando pistoni ampi e poco impegnativi. Dal Belvedere, i più esperti possono invece affrontare la nera n. 25 Belvedere per risalire ancora allo Chaz Dura con la seggiovia Fourclaz, oppure lanciarsi lungo la rossa n. 54 San Bernardo-l’Ours che scende per 11 chilometri lambendo proprio il Colle del Piccolo San Bernardo. Infine, per chi ama 1’eli­ski e il fuoripista, il ghiacciaio del Rutor che si può raggiungere in elicottero offre un’entusiasmante discesa di 20 chilometri sul versante francese fino a La Rosière. Dopo una bella sciata ci si può abbronzare al sole nella accogliente atmosfera dei tanti chalet-ristoro. Numerosi sono gli alberghi, bed & breakfast, case e appartamenti per vacanze e agriturismi che vi attendono per un’indimenticabile settimana bianca. Non dimenticate i pacchetti vacanze a prezzi eccezionali.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

2 Comments

  1. ortis says:

    la Valle d’Aosta offre dei paesaggi stupendi, unici e va assolutamente visitata: è un oceano di neve meravigliosa. Io una sola volta ho avuto questa fortuna ma è stato indimenticabile!

  2. linda says:

    Sono stata in queste zone, io non so sciare, i miei figli sì, comunque io mi godo il panorama che è troppo bello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *