breaking news

Sardegna, le perle del Nord Ovest

novembre 18th, 2008 | by Red
Sardegna, le perle del Nord Ovest
Al mare
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

1850 km di coste dove tratti frastagliati e rocciosi strapiombanti sul mare si alternano a tratti con calette e lunghe spiagge di sabbia bianca finissima. La suggestiva bellezza delle coste e la trasparenza dei fondali induce a credere che sia solo una terra di mare. In realtà è una terra prevalentemente montuosa ricoperta per l’80 per cento da colline, altopiani e monti. Ciò che stupisce il visitatore è la coesistenza in un territorio non particolarmente esteso, di ambienti diversi, ciascuno caratterizzato dalla propria conformazione geologica. Vanta una grande varietà di scenari geografici, di colori, forme e profumi, una ricchezza recepibile solo avventurandosi lungo i suoi territori e spingendosi oltre le località più famose.

Chi decide di scoprire la Sardegna ha di fronte a se una grande varietà ricchezze naturali, culturali e storiche da conoscere. Sono tante le destinazioni e gli itinerari che si possono progettare, scegliendo con cura una sistemazione adatta alle proprie esigenze. Dal punto di vista ricettivo a seconda del caso si può trovare un’ampia scelta di hotel in Sardegna, case e ville lussuose in affitto, residence, villaggi e campeggi e un numero sempre crescente di strutture come i bed and breakfast e gli agriturismo, diffusi capillarmente sul territorio, con il vantaggio di unire ospitalità, tipicità e economicità.

Proprio nell’estremità nord occidentale dell’isola sorge una ricca regione costiera, la Nurra, dove la pianura è alternata ad aree collinari, vigneti, zone minerarie e villaggi nuragici per poi degradare, verso nord, al mare azzurro della spiaggia della Pelosa (Stintino), e verso ovest di Capo Caccia (Alghero). Questa parte della Sardegna ospita due tra le mete principali del turismo isolano, due tesori dal fascino diverso, Stintino e Alghero.

Stintino si affaccia sul golfo dell’Asinara, esattamente davanti all’isola Piana e all’isola dell’Asinara, meravigliosa ed incontaminata isola diventata parco naturale tutelato integralmente dal piano paesaggistico isolano. È meta ambita per le meravigliose spiagge e la caratteristica acqua trasparente con gradazioni dall’azzurro al blu. La principale attrattiva è la spiaggia de La Pelosa, contraddistinta da una sabbia bianca finissima e dal mare azzurro-turchese dal fondale molto basso.

Il borgo nasce nel 1885 su uno stretto fiordo, da qui il nome “s’isthintinu” (budello), quando le famiglie dei pescatori che abitavano l’isola dell’Asinara furono allontanate per far posto alla colonia penale e dovettero fondare un nuovo insediamento. Ci sono due porti turistici – Portu Mannu, da cui partono le escursioni verso l’Asinara, e Portu Minori. A testimonianza della vocazione marinara di Stintino, a pochi chilometri dall’abitato, in prossimità del mare, sorgono le antiche tonnare che fino al XX secolo erano una delle principali fonti economiche del paese, oggi ristrutturate a scopi turistico-ricreativi.

Alghero è collocata in un contesto ambientale di grande pregio che comprende il Parco naturale di Porto Conte e la Riserva Marina di Capo Caccia-Isola Piana, paradiso delle grotte sottomarine. La grotta di Nettuno, la più conosciuta, ospita ambienti resi suggestivi dalla presenza di stalattiti e stalagmiti e si raggiunge via mare o attraverso i numerosi gradini della Escala del Cabirol che copre un dislivello di 110 metri.

Conquistata nel 1354 dai Catalano-Aragonesi, conserva ancora oggi l’identità catalana che si manifesta nell’architettura, nelle tradizioni, nella cucina tipica e sopratutto nella lingua locale. La città, fortificata da torri, bastioni e mura cinquecentesca, ha un vivacissimo centro storico, caratterizzano da un labirinto di suggestivi vicoli delimitati da raffinati palazzi, piazze e chiese.

Vicino ad Alghero si incontrano anche bellissime spiagge: la spiaggia di sabbia bianca e finissima di Maria Pia, le Bombarde, la più famosa e popolata, racchiusa tra scogli in un’insenatura, la spiaggia del Lazzareto, dominata da una torre spagnola del seicento, incastonata tra le scogliere.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *