breaking news

Il Carnevale coreografico di Oristano: la Sartiglia

febbraio 5th, 2010 | by Red
Il Carnevale coreografico di Oristano: la Sartiglia
Carnevale
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Uno dei carnevali più spettacolari e più coreografici della Sardegna è sicuramente la ” Sartiglia” di Oristano che quest’anno si svolge il 14 e il 16 febbraio 2010, cioè la domenica e il martedì di Carnevale. Si tratta di una giostra cavalleresca di antichissima tradizione in cui si sfidano coraggiosi cavalieri.

Ha origini castigliane, deriva dalla parola “ Sortija” che significa “anello”, ma a sua volta ha origine latine, dalla parola sorticola, diminutivo di sors, che significa fortuna, ma anche “anello”. Ed è proprio in questa parola che c’è tutto il significato della gara, infatti, è una vera e propria corsa all’anello, che oggi è rappresentato da una stella. Tutta la manifestazione evoca qualcosa di magico e di misterioso, quando i tamburi rullano ininterrottamente e le trombe squillano, il cavaliere in piedi sulla sella, mentre il suo cavallo galoppa sfrenatamente, impugna la spada e, tenendola dritta davanti a sé, infilza la stella, dopo lasciata la spada si cimenta con la lancia.

I tamburi tengono un ritmo che accompagna la corsa del cavallo, segnalandone la velocità man mano che cresce con il diverso rullare. Il cavaliere che indossa la maschera androgina di un misterioso Dio, dopo aver infilzato la stella, la innalza come trofeo e la gente lo applaude. Al termine della corsa, il corteo si trasferisce nel percorso di gara che vede le pariglie, gruppi di tre cavalieri su tre cavalli, esibirsi in spericolate acrobazie.

La vestizione del Cavaliere è il rituale più antico, impenetrabile e ricco di mistero della tradizione sarda. Da quando un uomo indossa la maschera ha un qualcosa di sacro, perciò monta a cavallo direttamente dal palco della vestizione, non può più toccare terra fino a sera.
Più che una festa di Carnevale, questa è una festa carica di simbologia e di magia che serve da auspicio per la buona sorte, per la prosperità, per una speranza che non morirà mai.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *