breaking news

Ponte del 2 giugno, a Malta primo tuffo nell’estate 2015

maggio 11th, 2015 | by Red
Ponte del 2 giugno, a Malta primo tuffo nell’estate 2015
#Experience
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Ponte del 2 giugno? L’occasione buona per fare una prima puntatina in spiaggia. Ma anche l’opportunità per regalarsi un viaggio culturale. O, ancora, per cogliere i classici due piccioni con una fava. In Italia le opportunità non mancano di certo. Basta prendere una cartina in mano e scegliere a caso: lo Stivale è bello in lungo e in largo.

Se invece si desidera andare all’estero, ma senza allontanarsi troppo, un’idea per unire l’utile al dilettevole è quella di visitare Malta. A maggior ragione perché se ci si muove per tempo si riescono a trovare interessanti pacchetti low cost.

Dalle immersioni alle gite in barca

Il mare di Malta non ha di certo bisogno di presentazioni: basta scegliere la spiaggia giusta e il gioco è fatto. Da queste parti ci si può dedicare alle immersioni, ma anche alle escursioni in barca. Tutto dipende dal tempo che si ha a disposizione e perché dal… tempo che farà una volta sul posto.

Beh, se le giornate scelte per la vacanza non dovessero essere delle migliori, se ne può approfittare per tuffarsi nella ricca storia di questa isola, densa di fascino e mistero.

A fine maggio rievocazione storica al Forte

Un primo assaggio lo si può fare la mattina del 31 maggio 2015. É infatti in programma, a Forte Sant’Elmo, l’appuntamento periodico con le «Parate In Guardia»: è una interessante rievocazione storica che ha per protagonista l’Ordine dei Cavalieri di San Giovanni.

La rappresentazione dura una quarantina di minuti e consente di ammirare i magnifici costumi d’epoca della guarnigione del forte, oltre a una serie di esercitazioni militari.

Nella cattedrale ad ammirare Caravaggio

Ma Malta è anche l’isola che ospitò Caravaggio in fuga da Roma, poiché accusato di omicidio. Tracce del suo passaggio – in buona sostanza le ultime opere prima della sua morte – sono presenti sempre a La Valletta, nella cattedrale di San Giovanni.

In questo stupendo edificio di culto, tra ori e marmi, è possibile ammirare la celebre «Decapitazione di Giovanni Battista», il «San Girolamo» e l’«Amorino dormiente».

Nella Capitale è inoltre possibile visitare il Museo archeologico: raccoglie gli oltre 7mila anni di storia dell’isola, da sempre di importanza strategica per i popoli del bacino Mediterraneo. E tutti hanno lasciato tracce della loro presenza, dai greci ai fenici, dai romani agli arabi.

Dalle ville romane al tempio sotterraneo

A Rabat, solo per fare un esempio, è presente una villa romana con pitture e mosaici davvero interessanti, mentre Mnajdr e Hagae Qim – nell’entroterra – sono dei tempi megalatici entrati a far parte del patrimonio tutelato dall’Unesco.

Ed è patrimonio dell’umanità anche l’Ipogeo di Hal Saflieni: risalente a circa 3mila anni prima della nascita di Cristo, è considerato l’unico tempio sotterraneo preistorico presente al mondo.

Ma l’elenco dei siti di interesse storico e culturale non finisce di certo qui: ogni isola di Malta ha tanta storia da raccontare. Ma, come detto, dipende tutto dal tempo che si ha a disposizione: per forza di cose bisognerà fare delle scelte.

Divertimento per tutti, bambini compresi

Ma una cosa non fatevi mancare: il divertimento, magari dopo una cena a base di ottimo pesce locale, oppure dopo aver fatto tappo nelle enoteche.

Molti i locali e le discoteche che meritano davvero, mentre chi preferisce la tranquillità avrà senz’altro la possibilità di godersi un concerto di musica classica in una chiesa barocca. Oppure può cambiare totalmente programma e tentare la fortuna al casinò.

Insomma: ci sono davvero tante buone ragioni per regalarsi almeno un week end a Malta. E se ancora non siete convinti, vi diamo l’ultima dritta: su quest’isola c’è la possibilità di passare ore indimenticabili con tutta la famiglia.

Per i bambini c’è il Villaggio di Braccio di Ferro (ricavato dal set di un film cinematografico), il Parco tematico della Playmobil o, ancora, il Mediterraneo Marine Park, dove giocare e nuotare tra delfini e leoni marini in tutta sicurezza. Allora, che dite: vale la pena fare un salto a Malta?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *