breaking news

Matera: la città dei Sassi di Matera e delle 150 chiese rupestri

giugno 2nd, 2010 | by Red
Matera: la città dei Sassi di Matera e delle 150 chiese rupestri
Arte & Cultura
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Vuoi visitare la città unica al mondo per i “Sassi” e per altre preziose testimonianze del passato?

Scopri in quali bed and breakfast a Matera pernottare e come ottimizzare il tuo tempo con questa mini-guida

Matera, capoluogo di provincia della Basilicata, si trova nella parte orientale della regione, al confine con la Puglia, e precisamente su di un altopiano alle spalle delle Murge, solcato dal torrente Gravina.

La città, al quale fu dato nel Medioevo l’attuale toponimo che deriva dal latino “materia” (legname), è famosa in tutto il mondo per i “Sassi”, abitazioni rupestri scavate nelle rocce e attraversate da bianche e tortuose stradine. Questo antico e affascinate insediamento urbano è stato dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’umanità.

Nel territorio di Matera si trovano tre aree naturali: il Parco archeologico storico-naturale delle Chiese rupestri del Materano, la riserva regionale San Giuliano e il colle di Timmari.

Il Parco, inserito, come i Sassi, nel Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, è un territorio ricco di testimonianze preistoriche, come, ad esempio, la grotta dei pipistrelli. L’attrazione più importante è costituita dalla presenza di circa 150 chiese rupestri, la maggior parte delle quali abbellite con affreschi. Vi si trovano specie di piante molto rare e diversi animali, quali il falco grillaio, il nibbio reale, l’usignolo di fiume, la volpe, la faina e il tasso.

La riserva di San Giuliano è una area protetta dove si trova il lago artificiale omonimo. E stata istituita per la salvaguardia dalla flora e della fauna locale.

Il colle di Timmari è un’area verde situata a 15 km da Matera. Sulla sommità del colle si trova un piccolo santuario dedicato a San Salvatore (XIV) e un sito archeologico con reperti risalenti al IV secolo a.C.

Architetture civili: Castello Tramontano (XVI secolo) con un mastio centrale e due torri laterali e  Palazzo Lanfranchi costruito nel XVII secolo per volere di Frate Francesco da Copertino, oggi sede di un’importante Museo d’arte.

Luoghi di culto: Cattedrale, edificata nel Duecento in forme romaniche pugliesi, con un bel rosone sulla facciata e diverse opere artistiche all’interno, quali un affresco di epoca bizantina raffigurante la Madonna della Bruna col Bambino, un presepe in pietra, opera dello scultore Altobello Persio, e il sarcofago dove si conservano le spoglie di San Giovanni da Matera; chiesa di San Giovanni Battista (XIII secolo) con il portale decorato con motivi floreali e, all’interno, interessanti cappelle medievali; chiesa di San Domenico, anch’essa duecentesca, che custodisce, tra l’altro, la “Crocifissione con san Domenico” un quadro realizzato dal pittore seicentesco Pietrafesa.

Tra i Musei di Matera vanno segnalati il Museo nazionale d’arte medievale e moderna della Basilica, dove sono esposti preziosi oggetti di arte sacra, pitture napoletane del ‘600 e del ‘700 e dipinti di artisti contemporanei, come Carlo Levi e l’artista locale Luigi Guerricchio; il Museo archeologico nazionale Domenico Ridola ricco di reperti preistorici, di epoca lucana e di epoca romana.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *