breaking news

Gita agli scavi di Pompei

maggio 23rd, 2012 | by Red
Gita agli scavi di Pompei
Arte & Cultura
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Pompei, storica città campana è sicuramente uno dei siti più visitati sia in Europa che nel resto del mondo.

Tra le bellezze proposte dagli scavi, Villa dei Misteri, l’edificio più noto ed apprezzato di Pompei, sia perché è un tipico esempio di villa suburbana, sia perché i suoi spazi interni sono decorati con pitture di alto livello artistico.

La parola villa allude alle case di campagna utilizzate per la produzione agricola, Villa dei misteri, è però una domus, una residenza signorile, sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.poi recuperata, presenta preziosi affreschi interni, da cui la struttura prende il nome.

Anche l’Anfiteatro merita una visita a Pompei. Ristrutturato dopo il terremoto del 62, risulta essere uno degli anfiteatri più antichi, capienti e meglio conservati al mondo. Prima dell’eruzione, l’arena presentava un parapetto affrescato con immagini di lotte tra gladiatori; all’interno, la cavea presenta tre zone, ciascuna per un diverso ceto sociale della città.

Il Teatro Grande fu costruito durante l’epoca sannita e presenta una struttura tipicamente greca in grado di ospitare numerosi spettatori. La cavea interna è divisa in tre zone ed era ricoperta da un velarium per proteggere gli spettatore dal sole e dalla pioggia.

Il Teatro Piccolo, fu costruito intorno all’80 a.C. ed era in grado di ospitare un vasto pubblico: al suo interno spettacoli di poesia e musica. La struttura ricorda quella del Teatro Grande, con pianta semicircolare: la cavea presenta due zone, con grandi gradinate, mentre la zona dell’orchestra è in marmo.

Il Foro era centro dell’attività religiosa ed economica della città e consiste in una grande piazza di forma rettangolare, circondata da un ampio porticato di cui la parte più antica risale al II secolo a.C.
Le domus erano di due tipi: quelle più grandi, patrizie, dotate di giardini e terme e le domus più modeste che appartenevano al ceto medio con cortile e botteghe. Nelle più ricche furono rinvenute opere preziose, oggi conservate nel Museo Archeologico di Napoli: l’affresco di Arianna con Teseo nella Casa del Poeta tragico, il mosaico della battaglia di Isso tra Dario e Alessandro nella Casa del Fauno, splendidi affreschi rosso pompeiano nella Casa dei Vettii o il tavolo abbellito con una sfinge bella Casa di Narciso.

Per organizzare una gita agli scavi di Pompei è consigliabile scegliere una delle tante visite guidate a Pompei, attraverserete la storica città con l’aiuto e la competenza di esperti nel settore.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. Markus says:

    Ciao,

    bell’articolo. Pompei vale proprio vederla. Io c’ero 10 anni fa, ma ci andró sicuramente un altra volta.

    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *