breaking news

È primavera, “rifiorisce” il museo Egizio di Torino

marzo 23rd, 2015 | by Red
È primavera, “rifiorisce” il museo Egizio di Torino
#Experience
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Non è un pesce d’aprile, ma un ottimo spunto per regalarvi un viaggio a ridosso della Pasqua o nei week end di primavera. Il 1° aprile, infatti, riapre il museo Egizio di Torino, negli ultimi tempi interessato da lavori di ampliamento. Non stiamo parlando di un’esposizione qualunque: quella del capoluogo piemontese è la collezione di reperti egizi tra le più importanti al mondo, per numero e importanza delle opere conservate. È seconda solo a quella de Il Cairo.

Nel giorno dell’inaugurazione, tra l’altro, l’ingresso è gratuito. E l’apertura sarà prolungata fino alla mezzanotte. Ma cosa c’è di nuovo nel museo Egizio di Torino? Intanto il percorso museale è stato raddoppiato e sono stati aggiunti nuovi reperti. Sono inoltre disponibili nuovi servizi multimediali – come ad esempio il percorso dedicato al fiume Nilo – oltre che una serie di attività dedicate alle famiglie.

Il visitatore troverà un ingresso più ampio, scale mobili e ascensori decorati in stile. C’è anche una caffetteria con roof garden. Insomma: un museo più al passo con i tempi e in linea con i gusti e le esigenze del grande pubblico. Ma resterà comunque la storia dell’antico Egitto a catturare l’attenzione.

Modigliani protagonista alla Galleria d’arte moderna

In questo periodo a Torino si possono cogliere anche altre interessanti novità: nei giorni scorsi, infatti, è stata inaugurata la mostra dal titolo: “Modigliani e la Bohème di Parigi”, allestita alla Galleria d’arte moderna e contemporanea (Gam). Resterà aperta al pubblico fino al 19 luglio 2015.

Le opere di diversi artisti raccontano la Parigi del secolo scorso, vista dalla prospettiva dei protagonisti di quella che fu definita l’Ècole de Paris. Ma il mattatore di questa mostra è l’artista livornese Amedeo Modigliani, considerato uno dei principali testimoni di quella Parigi cosmopolita che diede ospitalità ai tanti artisti in esilio (o in fuga) dai loro Paesi in guerra.

Per rendere al meglio lo spirito bohemien della capitale francese, la mostra è stata suddivisa in cinque sezioni: la prima è dedicata proprio a Modigliani; la seconda all’artista livornese, all’amico e scultore romeno Costantin Brancusi e alla scultura; la terza alla bohème parigina. Il cubismo e Il nuovo umanesimo della scuola di Parigi chiudono il ciclo delle interessanti opere esposte, provenienti per la maggior parte dal Centre Pompidou, oltre che da collezioni private.

Un salto alla Reggia di Venaria

Se si ha ancora del tempo a disposizione, un’altra sosta consigliata è quella alla Reggia di Venaria. E non solo per ammirare i suoi giardini che in primavera raggiungono il massimo splendore. Oltre ad approfittarne per visitare la mostra “L’arte della bellezza”, ogni domenica, fino a tutto il mese di giugno, vengono proposte attività in grado di coinvolgere tutta la famiglia.

Ai bambini, in particolare, è riservato un laboratorio nel quale creare monili e ciondoli. Prima di mettersi all’opera saranno guidati ad ammirare e a trarre ispirazione dalla collezione di gioielli di Gianmaria Buccellati. Per partecipare occorre una prenotazione.

Gli altri appuntamenti a Torino

Sempre a Torino è possibile ammirare le oltre 100 opere della pittrice polacca Tamara de Lempicka, artista simbolo dell’Art Deco (Palazzo Chiablese), oppure la mostra fotografica dedicata a Marco Polo. O, ancora, un’esposizione di foto sul cinema neorealista (Palazzo Madama).

Sarà dunque una primavera particolarmente vivace a Torino, da sempre una città che fa della cultura uno dei suoi principali cavalli di battaglia. Il capoluogo piemontese una visita la merita a prescindere. E non solo per la sua Mole Antonelliana. Ogni angolo della città parla d’arte. Da quella più antica a quella dei nostri giorni, come testimonia il grattacielo firmato da Renzo Piano.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *